20 location per un matrimonio “fuori dal comune”

10Ott

Mentre in Italia si discute sulle unioni di fatto, si scopre che negli ultimi anni sono aumentati sempre più i matrimoni civili. Una scelta che è cresciuta di pari passo con il desiderio di non rinunciare al sogno di una cerimonia in grande stile, che il rito religioso sapeva offrire. Istituzioni e locations hanno dovuto quindi riconsiderare le loro offerte per venire incontro a questa nuova tendenza. Così, se le prime hanno aperto le porte delle case comunali “cedendo” il permesso di celebrare ufficialmente (quindi non solo funzione simbolica come poteva succedere un tempo), previo consenso, anche in luoghi simbolo o di importanza culturale del proprio territorio, le seconde hanno iniziato a “costruire” su misura allestimenti nelle proprie strutture per garantire una cornice elegante ed originale per soddisfare anche civilmente quell’immaginario romantico tipico di ogni sposa. Certo è che queste locations, proprio per il loro patrimonio storico, il più delle volte coincidono con contesti dall’indiscussa bellezza e fascino. Un valore aggiunto quando si parla di contesto: un casale medioevale pugliese che incanta per la sua atmosfera principesca e per un’invidiabile cornice naturale, il monastero fortezza abruzzese che sorprende per intimità e panorama o l’affaccio mozzafiato su Golfo Aranci in Sardegna, sono solo alcuni degli esempi possibili per scegliere di sposarsi in contesti letteralmente “fuori dal comune”. Noi, per aiutare nella scelta abbiamo raccolto un esempio di punta per ogni regione: dal Friuli alla Puglia, dal vecchio mulino allo scambio di promesse nell’uliveto secolare, sono diverse le possibilità per rendere quel “sì” raffinato e decisamente non convenzionale.

http://d.repubblica.it/lifestyle/2016/01/20/foto/matrimonio_da_favola_luoghi_italia-2935737/22/

Lascia un commento